Recensione del binocolo termico Guide Sensmart TN450  

Nel settore degli strumenti che sfruttano la tecnologia termica, ci sono cannocchiali da tiro, sistemi Clip-on, sistemi misti ma anche prodotti adatti unicamente all’osservazione e alla ripresa, ottimizzati come è prassi con molte ricche funzioni. Quelli piu’ adatti agli appassionati di osservazione visuale sono senza dubbio alcuno i binocoli termici che seppur non sfruttino entrambi i tubi ottici, beneficiano della visione binoculare.
Durante il mese di marzo ho avuto il piacere di testare il binocolo termico Guide Sensmart. La serie “TN” è disponibile in quattro modelli: il TN430 con un sensore da 400×300 px -17 µm e un obiettivo da 35 mm F/1.2  e il modello TN 450 che differisce per la presenza di un obiettivo  piu’ luminoso , un  50 mm  aperto a F/ 1.2.  Sono poi presenti in catalogo i TN 630 e TN650 dotati degli stessi obiettivi da 35mm e 50 mm ma che beneficiano di un sensore da 640×480 pixel da 12 µm. L’oggetto di questo test è il binocolo termico Guide Sensmart TN450 costa 4200 euro IVA INCLUSA ed è distribuito da Redolfi RA SPORT

Prima di iniziare vi propongo di iscrivervi al canale YouTube   e al Gruppo Facebook “Binocoli e ottiche sportive- Opinioni e recensioni” oppure al gruppo  ” Visori termici, visori notturni e fototrappolaggio“.  Vi ricordo, inoltre, che dal 2010 è possibile partecipare al Forum di Binomania.
Buona visione  e buona lettura a tutti voi.

GUIDE SENSMART TECH CO, Ltd

Wuhan Guide Sensmart Tech Co., Ltd. è stata fondata nel 2016. In qualità di consociata interamente controllata da Guide Infrared (002414), Guide Sensmart si concentra sullo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti termografici a infrarossi per applicazioni commerciali.

Costituita nel 2016 con un capitale sociale di 60 milioni di RMB

Impiega oltre 500 dipendenti dedicati e il 30% sono dipendenti R&S

Dotato di 6 principali linee di prodotto con una capacità produttiva annua di 500.000 unità

Partecipa a più di 30 mostre in tutto il mondo ogni anno

Più di 300 partner cooperativi a lungo termine in tutto il mondo

Filiali consolidate in Germania e Belgio

CARATTERISTICHE TECNICHE VISIBILI SU

DOTAZIONE DI SERIE

La dotazione all’interno della scatola prevede oltre al binocolo termico, l’adattatore per la ricarica con cavo tipo C-USB, un cavo MICRO HDMI, i tappi per la copertura degli obiettivi, la tracolla i paraluce laterali per gli oculari (rimovibili) la borsa per il trasporto, una guida rapida.

ACCESSORI OPZIONALI

Tra i prodotti opzioni sono acquistabili: una barra Picatinny, il controllo remoto e un sistema Hand Shank.

MECCANICA E SISTEMA DI MESSA A FUOCO

Il Guide Sensmart TN450 ha la parvenza di un vero binocolo: lo scafo è composto da policarbonato ed è ottimizzato con un’armatura a buccia di arancia che previene in parte gli urti. È anche dotato dei classici occhielli per il collegamento a una tracolla. È impermeabilizzato garantito IP66 che significa poter resistere a una caduta in acqua sino a un metro di profondità. Beneficia, inoltre di varie certificazioni: UN38.3 (relativa alla batteria), RohS, CE, FFC e EAC.

Fig.1 - Un primo piano sul binocolo Guide Sensmart TN 450
Fig.1 – Un primo piano sul binocolo Guide Sensmart TN 450

La mia bilancia elettronica, inoltre, ha stimato un peso di 870 grammi con le batterie e i tappi che sono distribuiti su 162 mm x146 mm x 70 mm. Con la tracolla, quindi, si supera di poco il chilogrammo, un peso facilmente gestibile a mano libera anche grazie all’ampiezza del ponte di comando che lo rende molto simile a un binocolo con prismi di Porro nel formato 7×50 o 10×50.

Del binocolo termico Guide Sensmart TN450 ho apprezzato sin dall’inizio due caratteristiche: in primis la messa a fuoco che è affidata alla classica manopola centrale come un binocolo ottico e la comodità degli oculari.

Fig. 2 - Il vano che ospita le due batterie
Fig. 2 – Il vano che ospita le due batterie

Sul tubo ottico destro è presente il vano per l’alloggiamento delle batterie. Di fatto è utile chiarire che questo “binocolo” fa uso di un solo obiettivo da 50 mm, situato sul tubo ottico di sinistra, nell’altro, infatti, è presente il sistema di telemetria integrato.  Sulla parte superiore dello scafo ottico che chiamo “ponte di comando” sono presenti sei pulsanti per la gestione delle innumerevoli funzioni. Potrebbero sembrare troppi ma in realtà è un numero perfetto per gestire la maggior parte delle impostazioni senza navigare nei menu.

Fig.3 - "Il Ponte di comando" con i sei pulsanti
Fig.3 – “Il Ponte di comando” con i sei pulsanti


È presente il pulsante per l’accensione e lo spegnimento, il tasto per scattare fotografie e riprendere video, il pulsante per entrare nel menu delle impostazioni, il pulsante per la telemetria e i due pulsanti su e giù, che servono per regolare lo zoom e navigare nelle impostazioni.

Tra poco vi spiegherò nello specifico il loro funzionamento.

Nel vano posteriore, coperto da un coperchio impermeabilizzato grazie a un O-Ring, è presente una presa USB-C per la ricarica e il trasferimento dei dati e una micro HDMI per il collegamento con televisori e display esterni.

OTTICA


L’obiettivo IR ha un diametro di 50 mm e una apertura focale di F/1.2, il campo di vista concesso da questo schema ottico è pari a 7.8°x 5,8°.

Fig.4 - L'obiettivo frontale ha un diametro di 50 mm
Fig.4 – L’obiettivo frontale ha un diametro di 50 mm

OCULARI

Gli oculari mostrano le immagini proiettate da un display FULL COLOR OLED da 0.39’ con ingrandimento 2X e una risoluzione da 1024×768 pixel.

La estrazione pupillare fornita è dichiarata in 16.4 mm, ed è possibile ovviamente regolare le diottrie con un intervallo compreso tra -4 +2- La distanza interpupillare avviene spostando lateralmente gli oculari ed è compresa tra 60 mm e 70 mm.

Fig.5 - Un primo piano sugli oculari
Fig.5 – Un primo piano sugli oculari

SENSORE

Il cuore del sistema è affidato a un sensore da 400×300 px con 17 µm Vox.
Il Guide Sensmart TN450 beneficia di un sistema zoom 1x-4x di un frame rate di 50hz
e di una serie di palette colore: bianco caldo, nero caldo, rosso caldo personalizzabile, blu caldo, rosso caldo, verde caldo e  altri tre opzioni: migliorata, alte-luce, naturale

BATTERIA

Per concedere un po’ di ore di autonomia sul campo sono state utilizzate due batterie ricaricabili agli ioni di litio (18650 Li-Ion). La durata è garantita in sei ore e personalmente sono riuscito a usarlo per circa cinque ore anche con temperature comprese tra -2 e -4 °.

MEMORIA

All’interno del binocolo termico è presente una memoria integrata da 16 GB, ma è possibile avvalersi di una scheda Micro SD Card sino a 128 GB . Ci sono quindi tutte le caratteristiche per una settimana di riprese senza particolari problemi riguardo lo spazio di archiviazione.

FUNZIONAMENTO RAPIDO DEL VISORE TERMICO (Impostazione dei pulsanti)

Anche in questo caso, i progettisti, hanno adottato il sistema di pressione breve e lunga dei tasti per consentire di avere piu’ funzioni senza dover accedere al menu interno.
Pubblico qui di seguito una tabella con le impostazioni.

PulsanteStato di funzionamentoPressione rapidaPressione breve
Pulsante accensioneOn OFFCalibrazioneSpegnimento  Accensione
    
Pulsante di scattoMenu non attivo Barra del menu attivaScatta fotografia
Ripresa video
    
Pulsante telemetroMenu non attivo Barra del menu attivaAttiva la funzione di misurazione
    
Pulsante “menu”Menu non attivo Barra del menu attivaApri il menu “rapido”
Entra nei sottomenu o conferma le opzioni
Apre il menu principale Esce dal menu senza salvare
    
Pulsanti “SU” Menu non attivo Barra del menu attivaCambia la modalità “scena” Si sposta nel menu verso l’altoZoom +
    
Pulsante “GIU'”Menu non attivo Barra del menu attivaCambia le palette colore Si sposta nel menu verso il basso Zoom –
    
    

IMPRESSIONE PRATICHE SUL CAMPO

Ho avuto il piacere di utilizzare questo binocolo termico durante il mese di marzo e vi posso garantire di avere apprezzato molto alcune sue peculiarità simili a quelle di un classico binocolo, in primis il sistema di messa a fuoco centrale è un netto passo avanti, secondo me, rispetto alla focalizzazione attraverso la rotazione del tubo ottico. Sono consapevole che nella maggior parte delle condizioni di utilizzo, data la distanza dei soggetti, non sia spesso necessario continuare a focheggiare, mentre invece è indispensabile nel birdwatching.

Fig.6 - Durante una prova pratica sul campo
Fig.6 – Durante una prova pratica sul campo

 Tuttavia, le rare volte in cui ho notato all’improvviso un soggetto molto piu’ vicino rispetto a quelli che stavo osservando, la messa a fuoco si è sempre rivelata immediata e precisa. Questa caratteristica, unita alla comodità della visione con due occhi e all’ottima qualità fornita dal display che è tra i meno affaticanti che io abbia provato, potrebbe interessare a tutti gli appassionati di visione notturna che non necessitano di un clip-on o di un sistema adatto al tiro. La presenza della filettatura, inoltre, concede di montarlo su un comune treppiede fotografico.

Per ciò che concerne la qualità delle immagini, il sensore da 400×300 pixel   è effettivamente piu’ risolvente di un classico sensore da 320 o 380 pixel dotato di un obiettivo dal medesimo diametro. Questa mia percezione è stata incentivata anche grazie all’ottimo software di gestione delle immagini, ma soprattutto dalla maggior acuità visiva concessa grazie all’utilizzo di entrambi gli occhi. Devo ammettere di aver distinguere con estrema facilità un esemplare di volpe (rispetto a un altro esemplare) a oltre 200 metri di distanza. Anche il riquadro con parte dell’immagine ingrandita (PIP – picture in picture), peraltro già visto su moltissimi prodotti a visione termica, è un altro fattore che incentiva l’esperienza visiva.
Riguardo le palette colore, comprendo che la loro efficacia e piacevolezza sia molto soggettiva, in tal senso ho prediletto la “black hot – nero caldo”,  che mi pareva desse un tocco di contrasto in piu’ anche se è ovvio comprendere che questo binocolo termico sia facilmente configurabile in base alle proprie esigenze, grazie alle innumerevoli impostazioni che vi ho mostrato nella parte riguardante il menu.

Il sistema di telemetria è rapido e preciso e seppur ci siano ovvie possibilità di errate stime in presenza di soggetti piccoli di fronte a uno sfondo più invasivo, la media delle mie stime mi ha portato a promuoverne la precisione.

Fig.7- Alcune immagini ottenute " a mano libera". Soggetti tra gli 80 e i 160 metri
Fig.7- Alcune immagini ottenute ” a mano libera”. Soggetti tra gli 80 e i 160 metri

Il binocolo termico Guide Sensmart TN450, inoltre, si avvia molto rapidamente e altrettanto rapidamente si spegne. Ha un menu veloce, intuitivo ed essenziale e soprattutto non si è mai bloccato durante tutto il mese di utilizzo intensivo. E’ dotato, inoltre, secondo la mia esperienza con altri programmi, di un software di gestione veramente stabile anche se lo si maltratta un po’ come. Confermo che non si è mai bloccato in nessuna occasione.

Per quanto riguarda la percezione dei dettagli mi sono spinto oltre i 200 metri anche su soggetti piccoli come tassi e volpe ma è ovviamente possibile percepire la presenza di corpi caldi a oltre 2000 metri di distanza

PREGI E DIFETTI

Pregi

  • Visione binoculare
  •  Messa a fuoco centrale
  •  Ergonomia da vero binocolo
  • Qualità delle immagini molto buona
  • Obiettivo luminoso da 50 mm
  • Telemetro preciso
  • Sensore piu’ grande dei classici 320px- 380 px. 
  •  Software di gestione delle immagini, con una notevole personalizzazione per ciò che concerne il  contrasto e la  luminosità
  •  Facilità di utilizzo grazie ai vari pulsanti
  •  Software stabilissimo

Difetti

  •  Onestamente non ne ho trovati, senz’altro non è il prodotto piu’ compatto o che consente di essere inserito all’interno di un tascotto
Fig.8 - Il binocolo termico Guide Sensmart si è rilevato un ottimo strumento per le osservazioni e le riprese video
Fig.8 – Il binocolo termico Guide Sensmart si è rilevato un ottimo strumento per le osservazioni e le riprese video

IN SINTESI

Ritengo che binocolo termico Guide Sensmart TN450 sia un ottimo strumento per le osservazioni visuali, le riprese video che beneficia, inoltre, di un valido sistema di telemetria sino a circa 1500 metri. L’ergonomia è eccezionale, non si potrà piu’ fare a meno della sua messa a fuoco centrale e possiede inoltre un ottimo sensore coadiuvato da un perfetto software di gestione delle immagini e un display veramente poco affaticante.

PREZZI 

IL TN 450 costa 4200 euro, mentre il modello con lente da 35 mm (TN 350) costa  3990 euro.

DISCLAIMER

“Termicienotturni.it” è un progetto editoriale di Piergiovanni Salimbeni – Giornalista Indipendente. I prodotti testati non sono in vendita, sono restituiti dopo la visione e non percepisco nessuna percentuale sulla eventuale vendita del modello recensito. Redolfi RA SPORT il distributore italiano di questo prodotto   ha inviato il prodotto in visione  lasciandomi libero di citare le mie impressioni imparziali come è dovere di ogni giornalista.

SOSTIENICI! Contribuendo e diventando un sostenitore di Termicienotturni.it ci aiuterai a mantenere gratuiti tutti i contenuti anche per le persone che non potrebbero permettersi un abbonamento. Grazie anticipatamente




Mi chiamo Piergiovanni Salimbeni, sono un giornalista indipendente iscritto all’Ordine Professionale dei Giornalisti della Lombardia. Sono nato il 17 Febbraio del 1975 e nel 1997 ho iniziato le mie prime collaborazioni editoriali con alcuni mensili nazionali. Mi sono laureato presso l’Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico e le antenne di Radio Vaticana. Da quasi venti anni mi occupo di test strumentali, ho iniziato con i telescopi astronomici, per poi specializzarmi nelle ottiche naturalistiche. Nel 2012 ho inaugurato le prime recensioni riguardanti i prodotti per la visione notturna. Mi sono specializzato nell’utilizzo dei visori notturni optoelettronici per poi passare ad analizzare i primi visori digitali notturni e i prodotti per la visione termica. Dopo aver curato lo speciale Visione Notturna per la rivista CacciaMagazine e aver creato il gruppo Facebook “Visori termici, visori notturni e fototrappolaggio” ho deciso di lavorare a questo nuovo progetto editoriale per separare questo genere di recensioni dal mio sito www.binomania.it  dedicato ai binocoli, agli spotting scope e ai telescopi astronomici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.