Recensione dello smartphone rugged per imaging termico CAT S62 PRO

In questa video recensione descriverò le mie impressioni riguardo uno smartphone rugged  dotato di sensore termico della FLIR che potrebbe accompagnare molti appassionati durante la propria attività lavorativa o durante le proprie escursioni.

Grazie alla collaborazione del dottor Maurizio Di Carlo, country Manager della Bullit Group e di Elena Bonomi di Imageware ho avuto la possibilità di testare per oltre due mesi lo smartphone CAT s62 SPRO che costa 729 euro e beneficia di due anni di garanzia.
Prima di iniziare vi propongo di iscrivervi al canale YouTube   e al Gruppo Facebook “Binocoli e ottiche sportive- Opinioni e recensioni” oppure al gruppo  ” Visori termici, visori notturni e fototrappolaggio“.  Se siete anche appassionati di binocoli e ottiche sportive potreste visitare l’altro mio progetto editoriale: Binomania.it
Buona visione  e buona lettura a tutti voi.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Prima di analizzare con attenzione il sensore termico FLIR vorrei descrivervi tutte le caratteristiche e i punti di forza della terza generazione della serie CAT 60. All’interno della custodia è presente una guida rapida, il certificato di garanzia, il caricabatterie con cavo USB.

Questo smartphone è davvero robusto e vantaspecifiche IP68 e MIL 810H. Di fatto, è garantito per resistere a cadute ripetute su ogni lato e angolo sino a un metro e ottanta centimetri di altezza. È protetto da una robusta struttura di alluminio e un’armatura in TPU gommato e antiscivolo.  È impermeabilizzato e impenetrabile dalla polvere. Ha superato i test IP68 e IP69, resiste a trentacinque minuti di immersione a un metro e mezzo di profondità. Personalmente l’ho anche insaponato e sciacquato con acqua e sapone come suggerito dal costruttore senza evidenziare alcun problema.

Il CAT S62PRO ha anche dovuto sostenere il test con candeggina ripetuto con 3000 cicli test e quello con abrasivo alcolico su centinaia di cicli oltre alla esposizione prolungata a una miscela chimica.
Il display è composto da un pannello Gorilla Glass 6 temprato e resistente ai graffi che è stato incassato nello chassis per migliorarne ulteriormente la protezione.
Oltre a ciò, ha anche superato i test militari “MIL-STD-810H Military Standard) questi severi test riguardano gli shock termici, la capacità di resistere a forti escursioni termiche, test di caduta, vibrazione e l’utilizzo in presenza di nebbia salina, che come comprensibile è dannosa per gli apparecchi elettronici.  La sua temperatura di esercizio, inoltre, è compresa tra i -25 °C (-13 °F) a 55 °C (131 °F) per un massimo di 24 ore.

Fig.1 – Un primo piano sullo smartphone rugged CAT S62PRO con termocamera FLIR

La batteria da 4000 mahH consente sino a due giorni di durata anche grazie al processore Octo-Core Qualcomm Snap Dragon 660 a basso consumo energetico. Il CAT S 62PRO pesa 248 grammi distribuiti su 158.5mm x76.7mm x11.9 mm. Il display da 5.7” regala un formato FHD plus da1080x2160 pixel nel formato 18-9. Si tratta di un LCD TFT che consente l’utilizzo anche con i guanti da lavoro e con le dita bagnate.

Questo telefono è anche consigliato da Google Android Enterprise, ha una patch di sicurezza di 90 giorni per 2 anni e un anno di copertura ESMR . Può ricevere aggiornamenti di sicurezza per tre anni dal lancio e almeno un aggiornamento della versione Android (da Android 10 a 11) durante la vita utile del prodotto.  In dotazione è già pre-installato il pacchetto Office Suite, la Toolbox e il software On Guard Solo. Un’ applicazione molto interessante che permette di monitorare la posizione dei colleghi durante l’orario di lavoro, il controllo da postazioni remote, avvisare i colleghi in caso di emergenza oppure impostare intervalli di riscontro durante le attività in condizioni pericolose.

PROCESSORE E SENSORI 

Come ho già anticipato, il cuore del sistema è affidato a un processore Qualcomm Snapdragon 660 Octo Core 2.0GHz è composto da 128 GB di ROM , 6GB di RAM che è espandibile tramite una scheda Micro SD  sino a 256GB. La fotocamera classica è composta da un sensore dual pixel di Sony da 12 MP con apertura focale pari a F 1/8 e con una dimensione dei pixel di14 millesimi di millimetro). È presente anche un obiettivo frontale con sensore da 8mp. Per quanto riguarda il reparto multimedia è integrato un lettore musicale, la codifica e la decodifica video 4K sino a 30 fps.
Le reti supportate sono 4G, TE, CAT 12 e altre, non è supportato, però, il 5G.  E’ anche dotato di connettività Bluetooth 5, sistema WI-FI, USB, accetta Nano SIM, varianti SIM doppie e singole ed è dotato di tecnologia GPS, AGPS, CLONASS, BEIDOU, Galileo e altri ancora.

Il CAT S62PRO oltre al sensore termico integrato ne possiede altri: un sensore termico di impronta digitale, di sistema NFC, di prossimità, quello GPS, di luce ambientale, la bussola e il giroscopio. Molto utile la presenza di un tasto programmabile che personalmente ho programmato per attivare la fotocamera termica.

Fig.2 – Un primo piano sul tasto programmabile

IL SENSORE TERMICO FLIR

Passo finalmente a descriverne le potenzialità del sensore termico integrato.   Il CAT S62PRO è dotato di un sensore FLIR LEPTON 2.5 di livello professionale che consente un incremento del 400% del numero di pixel termici. Può individuare una fonte di calore sino a 400 gradi anche nella completa oscurità e permette di diagnosticare umidità, perdite, blocchi o cortocircuiti, correnti d’aria, o controlla lo stato del vostro barbecue, insomma è in grado di fornire molte utili indicazioni sia nel quotidiano sia nella propria attività professionale. La nuova versione è stata ottimizzata per ottenere una qualità di immagine ottimale e una risoluzione termica piu’ elevata. Il sensore FLIR concede di scattare immagini, riprendere video o time laps.

È stata concepita una galleria specifica (my FLIR) per il salvataggio delle immagini. Grazie alla modalità “blending”, potrete, inoltre, regolare l’allineamento della telecamera visiva a quella termica. Funziona sovrapponendo il contorno degli oggetti sulla scena dell’imaging termico. E ‘possibile modificare la trasparenza di tale opzione con un comando specifico. L’alpha blending, come presagibile, permette di aumentare o diminuire il livello della trasparenza dell’immagine termica mostrando maggiormente quella fotografica.
È possibile ottenere misurazioni spot o una media in maniera molto rapida grazie all’icona “mirino”. Attraverso la barra della scala della temperatura che è disponibile nella parte destra dello schermo, sarà possibile verificare la temperatura in proporzione ai colori termici.

Fig.3 – In questa immagine è possibile verificare la opzione di “fusione “delle immagini

È anche possibile restringere l’intervallo di temperatura visibile per trovare, ad esempio un oggetto, all’interno di un intervallo specifico. Grazie alla modalità “alta temperatura”, invece, anche chiamata “modalità a basso guadagno” si potrà portare la gamma della fotocamera sino a 400 gradi. Tuttavia non è utile farlo se si stanno monitorando corpi o oggetti al di sotto dei 120 gradi. E ‘anche possibile impostare un allarme per verificare quando qualcosa rientra nell’intervallo compreso tra i -20° e i 400°.
Gli allarmi possono far vibrare il telefono, oppure mostrare una notifica o acquisire una immagine termica, quanto qualcosa inquadrato nella scena sia all’interno dell’intervallo di isoterme che si ha specificato. L’auto calibrazione cercherà sovente di mantenere la più alta precisione di misurazione


UTILIZZO DELLA FOTOCAMERA  TERMICA FLIR

Accendendo all’APP “My FLIR PRO” come potete vedere da queste immagini, sarà possibile sfruttare le varie caratteristiche.

Attraverso il primo simbolo è possibile modificare le impostazioni generali. Con il secondo accederete alla fusione MSX, all’Alpha Blending e al contrasto Con il terzo è possibile modificare il tipo di misurazione: spot, rettangolo scena, cerchio e linea. Il software consente, inoltre, di combinare insieme le varie impostazioni. Con una pressione prolungata sul display si accederà al text menu dove sarà possibile salvare le misurazioni. Il quarto simbolo vi fa accedere al tuning, agli allarmi e alle regolazioni isotermiche.  È possibile fissare un range di temperatura, impostare un allarme quando sarà misurata la temperatura scelta.  Attraverso il quinto simbolo potrete fissare i parametri per le misurazioni.

Il sesto simbolo aumenta la sensibilità da 150 ° sino a 400°, mentre con il settimo pulsante potete salvare o ripristinare le impostazioni. Con l’ottavo potrete calibrare manualmente l’immagine.

Fig.4 – In alto sono visibili le varie icone per la gestione delle impostazioni

Nella parte inferiore sono presenti altri cinque simboli: il nono vi consente di scegliere le varie palette. E’ presente la classica paletta “ferro”, poi la “bianco caldo” che mostra la temperatura più alta in bianco, la “nero caldo” che la mostrerà in nero. L’impostazione “arcobaleno”, quella “lava” che mostra le temperature in blu e rosso, l’“artico” che le rivela in blu e arancio, la paletta “notte”, la paletta “più freddo” che svela le piu’ fredde in blu e la “piu’ caldo” che rileva le piu’ calde con il colore rosso. Il decimo apre le impostazioni della fotocamera (foto, video o time laps) mentre con il tasto numero undici si può scattare una foto o riprendere un video. Il dodicesimo simbolo, invece, attiva la modalità vivid IR per ottenere maggiori dettagli nella scena che si sta analizzando. L’ultimo simbolo in basso a destra vi consente di accedere alla galleria separata delle immagini termiche salvato nel CAT S62 PRO

Fig.5- Le varie palette colori disponibili

 

IMPRESSIONI SUL CAMPO

 Penso sia giunto il momento di descrivere le mie impressioni d’uso. Come prima cosa vi posso confermare che questo smartphone è realmente robusto e resistente, oltre a passare la prova di risciacquo e immersione ha involontariamente resistito a qualche bella caduta tra sentieri e paludi. I pulsanti sono sempre reattivi e quello arancione, programmabile,  è perfetto per impostare l’applicazione da voi prediletta. Il display è discretamente leggibile anche in piena luce, sensibile anche con i guanti o le mani sudate. La zona antiscivolo nella parte inferiore svolge alla perfezione il suo compito e il processore ottimizzato alla ROM disponibile seppur non sia un prodotto concepito per il gaming è in grado di svolgere qualsiasi applicazione office e lavorativa.

La fotocamera come potete vedere da queste immagini è abbastanza risolvente e l’apertura focale consente delle buone prestazioni anche se utilizzato con luce scarsa non è paragonabile ai migliori smartphone adatti alla fotografia.

Fig. 5- una foto crepuscolare ottenuta con il CAT6 62 Pro
Immagine: foto crepuscolare durante una mia uscita di fotografia di paesaggio. Nessuna elaborazione

Ritengo che il CAT S62PRO sia un perfetto strumento da lavoro, robusto, affidabile e ben impermeabilizzato. Il sensore termico integrato seppur non sia in grado di rilevare caprioli cervi o cinghiali a medio lunga distanza si è rilevato ottimale per tutte le rilevazioni di temperatura in ambito edile, idraulico e casalingo. Confermo che non è possibile rilevare soggetti a lunga distanza, non tanto per la sensibilità che mi è parsa eccellente, quanto per la ovvia difficoltà dell’obiettivo di mettere a fuoco di notte. La torcia integrata viene in aiuto ma come comprenderete soltanto a pochi metri dall’utilizzatore.

PREGI E DIFETTI

Pregi

  • Smarpthone  realmente “rugged” con specifiche militari
  • Buona durata delle batterie, oltre un giorno e mezzo con utilizzo decisamente intenso
  • Il display è sensibile al tocco anche con i guanti invernali.
  •  Presenza del lettore di impronta digitale
  • La funzionalità del GPS è ottima anche in confronto a un palmare GPS specifico usate in comparativa.
  •  La presenza del sensore termico FLIR potrebbe decretare l’acquisto rispetto ad altri prodotti

Difetti

  • Il sensore è stato prodotto nel 2017, la scelta dipende dalla volontà di fornire uno smartphone con una buona autonomia ma ovviamente non è rapido come il piu’ recente 765.
  • La memoria FFC non è rapida come le piu’ costose UFS ma tale fatto si nota prettamente nel gaming o nel multitasking esagerato
  •  Non è presente un classico Jack per il microfono,  per aumentare ancor di piu’ la impermeabilizzazione e per tale motivo chi ha già delle cuffie con uscita a jack dovrà acquistare un piccolo adattatore.

IN SINTESI

In definitiva, come avrete compreso ho apprezzato molto la reale robustezza del CAT S62 PRO e la presenza della termocamera integrata. Ritengo che questi due fattori siano i principali punti di forza di questo smartphone che bada più alla affidabilità e alla funzionalità negli ambienti lavorativi anche pericolosi, rispetto al gaming o alla capacità di mostrare belle foto per Instagram.  E’ un vero e proprio smartphone da lavoro che sfrutta l’occhio agli amanti del trekking, dell’outdoor in generale.


PREZZO

Il CAT620PRO costa 729 euro e beneficia di due di garanzia.

DISCLAIMER

“Termicienotturni.it” è un progetto editoriale di Piergiovanni Salimbeni – Giornalista Indipendente. I prodotti testati non sono in vendita, sono restituiti dopo la visione e non percepisco nessuna percentuale sulla eventuale vendita del modello recensito. Bullit Group, distributore italiano di questo prodotto  ha inviato il prodotto in visione  lasciandomi libero di citare le mie impressioni imparziali come è dovere di ogni giornalista.

SOSTIENICI! Contribuendo e diventando un sostenitore di Termicienotturni.it ci aiuterai a mantenere gratuiti tutti i contenuti anche per le persone che non potrebbero permettersi un abbonamento. Grazie anticipatamente




Mi chiamo Piergiovanni Salimbeni, sono un giornalista indipendente iscritto all’Ordine Professionale dei Giornalisti della Lombardia. Sono nato il 17 Febbraio del 1975 e nel 1997 ho iniziato le mie prime collaborazioni editoriali con alcuni mensili nazionali. Mi sono laureato presso l’Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico e le antenne di Radio Vaticana. Da quasi venti anni mi occupo di test strumentali, ho iniziato con i telescopi astronomici, per poi specializzarmi nelle ottiche naturalistiche. Nel 2012 ho inaugurato le prime recensioni riguardanti i prodotti per la visione notturna. Mi sono specializzato nell’utilizzo dei visori notturni optoelettronici per poi passare ad analizzare i primi visori digitali notturni e i prodotti per la visione termica. Dopo aver curato lo speciale Visione Notturna per la rivista CacciaMagazine e aver creato il gruppo Facebook “Visori termici, visori notturni e fototrappolaggio” ho deciso di lavorare a questo nuovo progetto editoriale per separare questo genere di recensioni dal mio sito www.binomania.it  dedicato ai binocoli, agli spotting scope e ai telescopi astronomici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.