Recensione del visore termico monoculare GUIDE SENSMART TD210

PREMESSA

Sempre alla ricerca di visori termici dal prezzo interessante, questa volta ho avuto il piacere, grazie alla collaborazione di Redolfi RA SPORT di testare il visore termico monoculare GUIDE SENSMART TD210 che costa 649 euro.

Prima di iniziare vi propongo di iscrivervi al canale YouTube   e al Gruppo Facebook “Binocoli e ottiche sportive- Opinioni e recensioni” oppure al gruppo  ” Visori termici, visori notturni e fototrappolaggio“.
Buona visione  e buona lettura a tutti voi.

STORIA

Wuhan Guide Sensmart Tech Co., Ltd è stata creata nel 2016 con un capitale sociale di 60 milioni di RMB.  E’ una consociata completamente controllata dalla Guide Infrared. Le attività primarie della Guide Sensmart sono lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti per l’immaging termico relative ai settori civili e commerciali. Centocinquanta dei 500 dipendenti fanno parte del reparto “Ricerca e Sviluppo”. Grazie  a sei linee di produzione, inoltre,  è consentita una distribuzione annua di circa 500.000 unità. La Guide Sensmart  collabora con 300 partner mondiali, il quartiere principale è sito a Wuhan in Cina, mentre in Europa ha filiali in Germania e in Belgio, la sede americana, invece, è stata fondata nel Texas.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Modello Guide TD 210
Obiettivo frontale (mm) 10
Apertura focale F 1.0
Intervallo di ingrandimento 1x – 2 x
Zoom digitale 1.5X
Campo di vista lineare (°) 17.1°×13.0°
Pixel Pitch 12 μm valore spettrale tra 8 e 14 μm
Sistema di messa a fuoco Elettrico
Sensore (px) 256x192px VOx
NETD ≤50mk @ F1 25℃
Display (px) LCOS 1280×960 pixel (come vedere in uno schermo da 22 pollici a un metro di distanza)
Batteria Interna al Litio sino a 8  ore
Wi-fi
Bluethoot
Palette colore sei tavolozze colore: Black Hot, White Hot, Red Hot, Iron Hot, Blue Hot
Registrazione video e foto Trasmissione e salvataggio immagini tramite APP
Laser integrato stima sino a 200 metri
Percezione dettaglio termico
Impermeabilizzazione Sì, IP66
Test di caduta (m) sino a 1 metro
Temperatura di esercizio (°)  da – 30 sino a + 50
Dimensioni (mm)
Peso dichiarato (g)
Prezzo (RA SPORT -Giugno 2022) (Euro) 649 euro
Fornito per il test da: www.redolfiarmi.com


DOTAZIONE DI SERIE

All’interno della scatola  è presente oltre al visore termico, una custodia protettiva, il certificato di garanzia, il manuale delle istruzioni (in lingua inglese) il caricabatterie e una batteria ICR1 8650 3.7V a 2200mAh e un comodo paraluce di grande diametro per migliorare la visibilità del display.

Fig.1 – La scatola che ospita il visore termico monoculare GUIDE SENSMART TD210

ACCESSORI OPZIONALI

Non è presente alcun accessorio opzionale

MECCANICA E SISTEMA DI MESSA A FUOCO

Il visore termico GUIDE TD210 è protetto da uno scafo policarbonato che consente una protezione IP66 ed è in grado a resistere a un test di caduta sino  a un metro. E’ un prodotto decisamente compatto e leggero. Con batteria, cinghia e tappo,  pesa soltanto 340 grammi e si trasporta facilmente anche all’interno della tasca della propria giacca. Ha una temperatura di esercizio che gli consente di operare tra i – 30° e + 50°.

Fig.2- Come visibile in questa immagine il visore termico monoculare GUIDE SENSMART TD210 è decisamente compatto

Nella parte superiore sono presenti i quattro pulsanti che regolano le varie impostazioni, mentre lateralmente è stata inserita la ghiera per la regolazione delle diottrie del display e un vano, protetto da un tappo di gomma, che ospita la porta Micro USB-C. Sotto alla zona oculare è presente un coperchio che si sgancia tramite un pulsante rapido e che ospita la batteria 18650 da 2200 mAh.

Fig.3: a sinistra il vano batteria, a destra il vano che cela la micro USB-C

OTTICA

Questo visore termico economico utilizza un obiettivo da 10 mm aperto a F/1 che fornisce uno zoom ottico pari a 1.5X e uno zoom digitale compreso tra 1x e 2X.  Non è presente una ghiera per la regolazione della messa a fuoco ma ho apprezzato nell’uso sul campo la messa a fuoco digitale che è possibile attivare, premendo con una lunga pressione  il tasto “illuminazione” o il tasto “zoom”. Direi che è una ottima via di mezzo per sfruttare la profondità di campo di questo visore termico.

Fig.4 – In questa immagine è visibile l’ottica da 10 mm di focale

OCULARE

L’oculare ha una uscita pupilla di 12 mm e consente una regolazione delle diottrie compresa tra -4 e +2-  Il display visibile è decisamente ottimale in questa fascia di prezzo e consente di osservare i dettagli come se si stesse guardando in un display da 22  pollici situato a un metro di distanza. Molto precisa mi è parsa anche la regolazione delle diottrie che si attuano attraverso una ghiera abbastanza grande per essere utilizzata anche in inverno con i guanti. Il paraluce aggiuntivo è ottimo per evitare riflessi in presenza di sorgenti di luce, come ad esempio lampioni o fari delle jeep.

Fig.5 – L’oculare proietta l’immagine di un display di ottima qualità per questa fascia di prezzo

SENSORE

Ottima la scelta del costruttore di sfruttare un sensore Vox da 256×192 pixel con un pixel pitch di 12 μm. L’NETD è inferiore a 35 millikelvin ai classici 25°, mentre fornisce un campo visivo di 17.1°×13.0°
Lo zoom digitale è pari a 1.5X

Fig.6 – Caprioli e cervi fotografati a distanze differenti tramite l’app “TargetIR”

MEMORIA

Non è presente una memoria integrata ma è possibile salvare le immagini sul proprio smartphone (o tablet) scaricando l’applicazione TargetIR. E’ sufficiente collegare il visore termico, inserendo la password: 12345678.

BATTERIA

La batteria dura una media di otto ore, ovviamente l’ho testato in estate e ci potrebbero essere dei risultati inferiori se utilizzato in pieno inverno a temperature inferiori agli zero gradi. Per mantenere questa durata della batteria è necessario disattivare il sistema Wi-FI e Bluethoot.

Fig.7 – Il telemetro laser funziona sino a 200 metri di distanza

FUNZIONAMENTO RAPIDO DEL VISORE TERMICO

Il software di gestione è minimo ma funzionale. I tempi di attivazione sono decisamente rapidi, dato che Guide TD210 si attiva in solo due secondi.

Pulsante Stato di funzionamento Pressione rapida Pressione prolungata
Pulsante accensione
  • On
  • OFF
Calibrazione
  • Spegnimento
  • Accensione
Pulsante (Luminosità)
  • Regolazione luminosità
  • Zoom
Modifica luminosità display Attivazione messa  a fuoco elettrica
Pulsante (con icona Montagna)
  • Cambio palette colore
  • Attivazione menu
Cambio delle palette colore Attivazione del Menu
Pulsante (zoom)
  • Regolazione intervallo d’ingrandimento
  • Messa  a fuoco
Regolazione zoom digitale Attivazione messa a fuoco elettrica

OPZIONI DEL MENU

  • Video Output
  • WIfi
  • Laser Point
  •  Scene Mode
  •  Hot Track
  • Auto Stand by
  • Auto Power OFF
  • Bluethoot
  • Working indication

UTILIZZO  DELLA “APP”DEDICATA

Come anticipato è possibile impostare le varie funzioni del visore termico monoculare GUIDE TD210 attraverso l’APP “TargetIR” disponibile per IOS e ANDROID. Sarà sufficiente scaricare l’applicazione, attivare il WiFi nel TD210 e ricercare il sistema Wi-FI da smartphone.

Fig.8- Lo screenshot dell’app “TargetIR” disponibile per sistemi Android e IOS

Grazie alla password “12345678” sarà possibile collegarsi rapidamente. Sul display dello smartphone apparirà una schermata che mostra la scena inquadrata in tempo reale, sarà possibile, inoltre, utilizzare dei pulsanti per modificare le impostazioni principali, come ad esempio e “la scena”, le palette, ma anche salvare le immagini e i video all’interno del proprio telefono. Pubblico qui di seguito un breve collage di video ottenuti a distanze comprese tra i 30 e i 150 metri.

IMPRESSIONE PRATICHE SUL CAMPO

Sino a un paio di anni fa era praticamente impossibile spendere meno di 700 euro e acquistare un visore termico che fosse realmente funzionale nell’utilizzo sul campo. Il GUIDE TD210 ha varie caratteristiche che mi hanno soddisfatto, seppur io sia abituato ad osservare in visori termici con sensori da 640px. In primis ne ho apprezzato l’ergonomia, la leggerezza e la operatività. Si accende in due secondi, risultando tra i prodotti piu’ rapidi da utilizzare. Le funzioni, ovviamente, non sono innumerevoli ma quelle presenti sono efficaci per il riconoscimento sul campo. E’ possibile, ad esempio, modificare la scena in “Natural mode”, “Enchance mode” e “Highlight mode”. Anche le cinque palette colore sono perfette per sfruttare il combo sensore/ottica. E’ presente anche il sistema PIP, Picture in Picture che mostra in un riguardo, l’ingrandimento del soggetto di nostro interesse. Con la modalità hot track, invece, potrete visionare la parte piu’ calda della scena, attraverso una croce che la rileva. Il telemetro integrato ha dimostrato di fornire delle misurazioni piu’ che buone sino a 200 metri, mentre grazie al sistema Bluetooth o Wi-Fi potrete sia inviare la distanza ai vostri compagni di osservazione, sia modificare le impostazione del visore termico, magari dopo averlo piazzato su un supporto da finestrino.

Fig.9 – Il visore termico monoculare GUIDE SENSMART TD210 mi è sembrato fornire un ottimo rapporto prezzo-prestazioni

Relativamente alle distanze in gioco, ho compiuto delle osservazioni di cervi, cinghiali e caprioli tra i 30 metri e i 150 metri. La mia opinione penso sia anche verificabile dalle foto (originali) e dai video inseriti in questo articolo.  Il visore termico monoculare GUIDE SENSMART TD210 è in grado di mostrare la corretta morfologia di un capriolo e di un cervo sino a circa 70-80 metri di distanza. A distanze superiori, come avrete notato, si percepisce la traccia termica con relativa sagoma ma il buon risultato del riconoscimento dipenderà anche dalla vostra esperienza e dalla conoscenza delle specie nella vostra zona. Direi che puo’ soddisfare le esigenze di riconoscimento nella medio-breve distanza.

PREGI E DIFETTI

Pregi

  • Sensore Vox da 256×192 px
  • Modalità scena e cinque palette colore
  • Rapidità di accensione, circa due secondi
  • Messa a fuoco elettrica
  • Sistema hot tracking
  • Sistema di telemetria integrato (max 200 metri)
  • Ergonomia e posizione dei pulsanti
  • Ottimo display in tale fascia di prezzo
  • Facilità di gestione dei menu
  • App  per gestirlo direttamente tramite smartphone

Difetti

  •  Non è adatto per chi ha la necessità di avvistare chiaramenti dei  soggetti di media grandezza a oltre 80-100 metri
  • La pressione prolungata per attivare la funzione video non è tra le piu’ rapide
Fig.10 – Il visore termico monoculare GUIDE SENSMART TD210 si è rilevato un prodotto con un interessante rapporto prezzo-prestazioni

IN SINTESI

Il visore termico monoculare GUIDE SENSMART TD210 mi è parso un ottimo prodotto entry-level, è dotato di un sensore da 256x192px mentre parte della concorrenza utilizza ancora i piccoli sensori da 160 pixel. Ha molte caratteristiche che lo rendono un valido visore termico, soprattutto adatto ai riconoscimenti di animali di grande taglia sino a circa 80-100 metri e ai cinghiali sino a 70-80 metri.

PREZZI

Vi ripeto il prezzo offerto da RA SPORT: 649 euro.

RINGRAZIAMENTI

Io ringrazio di Diego Redolfi di Redolfi RA SPORT per aver fornito l’esemplare oggetto di questo test e per avermi lasciato libero di citare le mie impressioni

DISCLAIMER

“Termicienotturni.it” è un progetto editoriale di Piergiovanni Salimbeni – Giornalista Indipendente. I prodotti testati non sono in vendita, sono restituiti dopo la visione e non percepisco nessuna percentuale sulla eventuale vendita del modello recensito.  IL distributore italiano di questo prodotto   ha inviato il prodotto in visione  lasciandomi libero di citare le mie impressioni imparziali come è dovere di ogni giornalista.

SOSTIENICI! Contribuendo e diventando un sostenitore di Termicienotturni.it ci aiuterai a mantenere gratuiti tutti i contenuti anche per le persone che non potrebbero permettersi un abbonamento. Grazie anticipatamente




Mi chiamo Piergiovanni Salimbeni, sono un giornalista indipendente iscritto all’Ordine Professionale dei Giornalisti della Lombardia. Sono nato il 17 Febbraio del 1975 e nel 1997 ho iniziato le mie prime collaborazioni editoriali con alcuni mensili nazionali. Mi sono laureato presso l’Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico e le antenne di Radio Vaticana. Da quasi venti anni mi occupo di test strumentali, ho iniziato con i telescopi astronomici, per poi specializzarmi nelle ottiche naturalistiche. Nel 2012 ho inaugurato le prime recensioni riguardanti i prodotti per la visione notturna. Mi sono specializzato nell’utilizzo dei visori notturni optoelettronici per poi passare ad analizzare i primi visori digitali notturni e i prodotti per la visione termica. Dopo aver curato lo speciale Visione Notturna per la rivista CacciaMagazine e aver creato il gruppo Facebook “Visori termici, visori notturni e fototrappolaggio” ho deciso di lavorare a questo nuovo progetto editoriale per separare questo genere di recensioni dal mio sito www.binomania.it  dedicato ai binocoli, agli spotting scope e ai telescopi astronomici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.